image
Da una intervista alla controversa mamma di Jeff Buckley sulla rivista Rock Sound, speciale nr.13, 2002, dedicato interamente a lui.

Avevo 13 anni ed ero malata. Mia mamma per consolarmi mi regalò questa rivista. Non sapevamo chi fosse lui, ma rimasi subito colpita per la somiglianza che aveva con me. Dalle sue parole traspariva una grande sensibilità e io, in quel periodo, già cominciavo a rendermi conto di tante cose!

Comprai Grace e, da allora, amo Jeff. Aveva una voce unica. Ha una voce unica. Così emozionante e semplice. Cosi dolce e intensa. Così melodiosa e delicata, ma anche potente. Al primo ascolto, rimasi sbalordita. E va bene che sono cresciuta a pane e musica, ma una voce così non l’avevo mai sentita.

Quello era il periodo “innamoramento dei Nirvana”. Ma, mentre i Nirvana non li ascolto quasi mai, Jeff rimane sempre con me.

Pochi anni dopo, iniziai ad ascoltare anche suo padre Tim, personaggio anche lui molto controverso, ma geniale. Stessi tratti delicati e stesso talento. A volte, penso anche più del figlio. Poi ritratto. La mia devozione a Jeff è totale! 😀

Advertisements