image

Come avevo accennato, a diciotto\diciannove anni, avevo scoperto di avere qualcosa di duro nel seno. Dopo controlli e accertamenti avevo visto di non avere un solo nodulo, ma piuttosto una Via Lattea. Dunque, operazioni, segate varie, controlli ogni cinque mesi e via dicendo. Il mio senologo mi aveva detto di mettermi l’anima in pace, perché con la loro velocità di crescita, mi sarei dovuta operare altre volte, anche se si sperava non con la stessa urgenza\gravità delle prime due. Ricordo di aver passato una fase odio, in cui al solo pensiero di dover nuovamente provare quel dolore e tutto il resto, piuttosto mi sarei volentieri sparata.
Solo grazie al Buddismo, ho imparato a voler bene anche a loro, ai miei “cavolfiorini”/”ecomostri”, come li chiamiamo con affetto io e il dottore. Oggi ho avuto l’ennesimo controllo, un po’ spaurita dato che ultimamente avevo delle fitte forti. È andato tutto bene, il dottore rimane sempre più sconvolto da me e dal fatto che i miei amichetti abbiano deciso di arrestare la loro impetuosa avanzata. Io penso che il merito sia anche mio, da quel giorno di qualche anno fa, in cui misi davanti a Gohonzon l’obiettivo forte di diventare una persona sana. Da quando sono nata ho passato più tempo in ospedali che a casa mia.
Da quel giorno, chiamatelo pure “caso”, ma io non ho avuto più nulla. Certo, ci sto attenta e curo la mia salute.
Ricordate!!! Prevenzione primaria: mangiare bene, condurre una vita il più possibile sana e fare sport. Prevenzione secondaria: visite di controllo, ogni anno, regolarmente.

Prossima visita: per la prima volta dopo ben sette lunghi anni, TRA UN ANNO ❤

Advertisements